Da Cluny alla Docg

condividi il tuo #corsoais e le tue degustazioni #aispiemonte

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Da Cluny alla Docg

Un'occasione per festeggiare l'imminente Ventennale della Docg del Ghemme.

 

Correva l’anno 1997, il mondo del vino di qualità in Italia era in fermento, gli appassionati crescevano di pari passo con i prodotti di qualità. 


In quei tempi le DOCG in Italia superavano appena la quindicina e, proprio da quell’anno, un prodotto delle Colline Novaresi, già Doc dal 1969, entrò a pieno diritto nell’allora ristretto numero delle Denominazione d’Origine Controllata e Garantita. Stiamo parlando del GHEMME.
Un'occasione quindi per ripercorrere un periodo storico e per approfondire la storia e le curiosità legate a questo vino ed al territorio di cui è figlio. Ecco quindi una serata nella quale il nostro ospite Alberto Arlunno, grande appassionato di Storia del Territorio nonché titolare dell'azienda Antichi Vigneti di Cantalupo, insieme ai suoi vini ci guiderà in un viaggio ideale da Cluny alla Docg.  

L’appuntamento è fissato presso Albergo Italia in Via Solaroli 10 a Novara dove, con la collaborazione dell’amico Ugo Pampalone, avremo modo di conoscere ed apprezzare i prodotti e la filosofia di uno storico Produttore del nostro territorio.

A fine degustazione un piattino della nostra territorialità.

La prenotazione è obbligatoria e dovrà essere eseguita al numero telefonico 333 6998997 entro il 24 ottobre 2016, o per il tramite di una mail alla Delegazione, che confermerà l’avvenuta prenotazione, specificando nome di chi prenota e numero dei posti prenotati. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) .

I posti disponibili sono 60 ed il contributo previsto per la serata è stato fissato in Euro 25,00 a persona.

L’evento è riservato ai soci, i quali potranno essere accompagnati dai loro stretti familiari, e da un massimo di 1 conoscente.
Delegato Sommelier: Egidio Miglio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ricerca nel sito

Seguici sui social